MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

mercoledì 6 novembre 2013

3 ASTEROIDI GIGANTI SONO ARRIVATI NEL SISTEMA SOLARE! COMUNICATO UFFICIALE DELLA NASA



Sono stati scoperti ben due asteroidi near-Earth (near-Earth object, NEO): si tratta di oggetti del Sistema Solare la cui orbita può intersecare quella della Terra. La notizia è stata pubblicata ieri, 5 novembre sul sito NASA del JPL, con una nota dello stesso JPL Near-Earth Object Program Office a firma dei due scienziati Don Yeomans e Paul Chodas.




La scoperta dei due asteroidi risale alla scorsa settimana, mentre ce ne sarebbe anche un terzo di dimensioni meno rilevanti di cui però ora si è sorprendentemente persa ogni traccia, sebbene anche questo potrebbe venire a trovarsi a distanza molto ravvicinata alla Terra da poter essere classificato come “oggetto potenzialmente pericoloso” (Potentially Hazardous Object, PHO). E’ fondamentale sottolineare che nessuno dei tre asteroidi scoperti recentemente può arrivare così vicino alla Terra da rappresentare un pericolo a breve termine per il nostro pianeta.



Nel dettaglio: il primo è stato chiamato 2013 UQ4 ed è il piu’ insolito, misura 19 km di diametro ed è stato individuato dal Catalina Sky Survey il 23 ottobre quando si trovava a 435 km dalla Terra. Non solo si tratta di un asteroide insolitamente grande ma ha anche un’inclinazione al quanto insolita, retrograda rispetto al Sole, viaggia cioè in senso contrario rispetto ai pianeti e a tutti gli altri asteroidi. Solitamente il movimento retrogrado è proprio delle comete, il che suggerisce che si possa trattare dei resti di un’antica cometa che non ha più ghiaccio sulla sua superficie e ciò le impedisce di diventare attiva vicino al Sole. Come riportato sulla circolare n. 9262 della International Astronomical Union, l’oggetto è stato osservato il 31 ottobre da Richard Binzel, David Polishook e Rachel Bowens-Rubin del MIT (Massachusetts Institute of Technology) grazie alla Infrared Telescope Facility NASA alle Hawaii, grazie al quale si è potuto classificare come un oggetto appartenente alla classe spettrale X.
Il secondo asteroide è 2013 US10, scoperto il 31 ottobre dal Catalina Sky Survey. Sebbene di quest’oggetto non sia stata individuata la reflettività e il suo diametro non sia del tutto certo, si stima si aggiri intorno ai 20 km.
Il terzo è 2013 UP8 del diametro di 2 km, scoperto il 25 ottobre dal gruppo Pan-STARRS delle Hawaii. E’ probabile che questo asteroide possa avvicinarsi molto all’orbita della Terra, entro i 5.5 km, il che lo rende, appunto un oggetto potenzialmente pericoloso (potentially hazardous asteroid, PHA). Come negli altri tre casi, l’oggetto è rimasto sconosciuto per molto tempo perché non si è avvicinato alla Terra da molto decenni.

FONTE UFFICIALE DEL COMUNICATO DELLA NASA A QUESTO LINK:

neo.jpl.nasa.gov

FONTE ARTICOLO QUI

ARTICOLI CORRELATI:

PIANETA-X,NIBIRU ORBITEREBBE VICINO ALLA FASCIA DI KUIPER SPOSTANDO DETRITI SPAZIALI VERSO LA VIA LATTEA