MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

mercoledì 18 dicembre 2013

LA NASA INVIERA' ALCUNI SATELITTI PER STUDIARE I PORTALI MAGNETICI CHE COLLEGANO LA TERRA E IL SOLE.

La NASA lancerà nel 2014 nuovi quattro satelliti identici che orbiteranno nella magnetosfera terrestre dove potranno circondare i portali e osservare come funzionano. I portali che collegano la Terra e Sole creano un percorso ininterrotto tra i due. Sono invisibili e si aprono e chiudono senza preavviso . Alcuni portali sono di breve durata , mentre altri sono molto vasti e imprevedibili, secondo la NASA. ” Si chiama un evento di trasferimento di flusso o ‘ FTE ‘”, dichiara astrofisico David Sibeck del Goddard Space Flight Center.


“Dieci anni fa ero abbastanza sicuro che non esistessero , ma ora le prove sono incontrovertibili “.

Infatti, oggi Sibeck sta dirigendo delle ricerche con un gruppo internazionale di fisici spaziali,  che dal 2008 presso il Laboratorio di ricerca sul Plasma a Huntsville , in Alabama , si interessa dell’FTE  che non sono solo comuni , ma forse due volte più comuni come nessuno aveva mai immaginato.

I ricercatori sanno da tempo che la Terra e il Sole sono collegati. La Magnetosfera della Terra ( la bolla magnetica che circonda il nostro pianeta ) è piena di particelle provenienti dal Sole,  che arrivano attraverso il vento solare e penetrano le difese magnetiche del pianeta. Questo flusso di particelle, entrano seguendo le linee di campo magnetico che possono essere distribuite sulla superficie terrestre e poi re-distribuirsi nell’atmosfera del Sole.

“Siamo sempre stati abituati a pensare che la connessione era permanente e che il vento solare poteva interagire nell’ambiente vicino alla Terra ogni volta che il vento era attivo  – dice Sibeck – ma abbiamo sbagliato , i collegamenti non sono costanti a tutti, sono spesso brevi e dinamici”.
Diversi relatori del workshop hanno delineato come si forma il flusso FTE: sul lato diurno della Terra (il lato più vicino al Sole ), il campo magnetico della Terra si incontra con il campo magnetico solare e approssimativamente ogni otto minuti, i due campi si fondono brevemente o ” si riconnettono “, formando un portale attraverso il quale le particelle possono fluire. Il portale assume la forma di un cilindro magnetico distribuito su larga scala sulla Terra.

La flotta di quattro nuovi veicoli spaziali, effettueranno una missione simile ai Cluster e alle cinque sonde THEMIS della NASA e dell’Agenzia Spaziale Europea ESA, che dal 2007 hanno volato nello spazio e circondato questi cilindri analizzandoli. Questi nuovi satelliti misureranno cosi le loro dimensioni e registreranno le particelle che attraversano i portali . “Questi portali sono reali e sono connessi con il Sole”, dice Sibeck . Ora che Cluster e THEMIS hanno direttamente campionato l’ FTE , i fisici teorici possono usare queste misurazioni per simulare gli FTE nei loro computer e prevedere come potrebbero comportarsi. Il fisico spaziale Jimmy Raeder della University of New Hampshire ha presentato una di queste simulazioni al Workshop. Ha detto ai suoi colleghi che i portali cilindrici tendono a formarsi sopra l’equatore terrestre e poi rotolare sui poli della Terra. Nel mese di dicembre 2012 l’FTE rotolò sopra il polo nord; nel luglio 2013 un FTE è scivolato sopra il polo sud.
Sibeck crede che questo accade più spesso di come si pensava. “Penso che ci siano due varietà di FTE, quelli attivi e passivi “

FTE attivi sono cilindri magnetici che consentono alle particelle di fluire piuttosto facilmente, sono condotti di energia importanti per la magnetosfera della Terra. FTE passivi sono cilindri magnetici che offrono più resistenza, la loro struttura interna non ammette un tale semplice flusso di particelle e campi megnetici.

Ci sono molte domande senza risposta: perché i portali si formano ogni 8 minuti? Come fanno i campi magnetici a formare un campo di torsione all’interno del cilindro e della bobina? “Stiamo facendo una riflessione importante e cercare di comprendere questo fenomeno”, dice Sibeck.

FONTE 

ALTRA FONTE QUI