MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

venerdì 15 novembre 2013

LA COMETA LOVEJOY E PIU' LUMINOSA DI ISON: MASSIMO AVVICINAMENTO ALLA TERRA IL 19 NOVEMBRE

Quando l’astrofilo australiano Terry Lovejoy scoprì la cometa C/2013 R1 a sud-est della costellazione di Orione, essa brillava come una macchia lattiginosa di magnitudine 14.4. Oggi, la cometa Lovejoy, la terza scoperta dall’astrofilo, è più luminosa della ISON ed è facilmente rintracciabile con l’ausilio di un binocolo nei cieli orientali prima dell’alba. L’astro chiomato arriverà alla minima distanza dal Sole il prossimo 22 Dicembre (Perielio), ad una distanza di 121 milioni di chilometri, e sta guadagnando luminosità giorno dopo giorno. A testimonianza del fatto che il 2013 verrà ricordato come l’anno delle comete. Tra cinque giorni questa vagabonda cosmica raggiungerà il massimo avvicinamento alla Terra, quando disterà 59,4 milioni di chilometri.


La cometa, in quel frangente, potrebbe brillare di magnitudine 4,5, difficilmente osservabile da cieli cittadini, ma facilmente rintracciabile (in teoria) sotto cieli particolarmente bui, lontani da fonti luminose. E se ciò non dovesse bastare, sarà visibile in qualsiasi strumento o macchina fotografica digitale. A rendere un pò più complicate le osservazioni ci sarà il nostro satellite naturale, a due giorni dalla fase di Luna piena. La sua posizione nel cielo, come ricorda l’ultima serie di elementi orbitali divulgati dal Minor Planet Center, sarà lungo le costellazioni del Leone e del Leone minore, mentre si muoverà verso Nord-est. Secondo gli ultimi dati a nostra disposizione, la cometa Lovejoy non tornerà prima di 7000 anni. Il suo passaggio, quindi, rappresenterà un evento unico per la nostra esistenza.

FONTE