MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

mercoledì 18 dicembre 2013

ALASKA: MORTE DI ANIMALI IN MASSA. DITO PUNTATO SULLE RADIAZIONI DELLA CENTRALE DI FUKUSHIMA.

Centinaia di uccelli morti sono apparsi sulle rive dell’Isola di Saint Lawrence in Alaska. La segnalazione è stata riferita dal corpo forestale e dalla Polizia a fine Novembre. Anche se la causa della morte è sconosciuta, si dice che la colpa sia dei cambiamenti climatici, ma altri puntano il dito contro Fukushima dove le radiazioni avrebbero raggiunto le zone costiere dell’Alaska, dove è stato anche riferito che un gran numero di orsi polari, foche e trichechi hanno manifestato perdita di capelli e piaghe purulente. Anche se le autorità sostengono che la causa è una strana “malattia”, una relazione dell’Alaska Public Media rivela che la dimensione degli eventi può essere correlata al disastro di Fukushima. 

I dettagli del report dicono che, a parte il gran numero di uccelli morti, qualcosa sta causando in un gran di foche e trichechi “la perdita di capelli e lo sviluppo di piaghe o ulcere della pelle”, oltre ad altri sintomi. Anche se le due specie hanno sintomi simili, gli scienziati non sanno ancora se le foche e i trichechi siano affetti dalla stessa malattia. Allo stesso modo, la popolazione dei salmoni rossi nella zona è a un “minimo storico”, dopo aver registrato un calo di oltre l’80% rispetto all’anno scorso. Il Biologo Lance Barrett-Lennard ha espresso la preoccupazione che i cambiamenti dell’ambiente marino stanno causando un comportamento strano e un tasso di mortalità insolitamente alto. ”Ovviamente qualcosa di molto strano sta accadendo” e alcuni esperti dicono che non sarebbe irragionevole pensare che, almeno in parte, il disastro di Fukushima sia la causa di tutto questo. Nel frattempo, l’avventuriero australiano Ivan MacFadyen ha detto che durante un recente viaggio nel mare dal Giappone a San Francisco, l’oceano sembrava morto. ”Ho viaggiato molte miglia di mare nella mia vita ed è comune vedere tartarughe, delfini, squali e grandi stormi di uccelli. Ma questa volta, per più di 5500 chilometri, non abbiamo visto quasi nessun essere vivente. “Recentemente, l’operatore della Tokyo Electric Power (Tepco) ha detto che i livelli di radiazione nelle acque sotterranee sotto la centrale nucleare giapponese di Fukushima è salito al suo livello più alto dall’incidente nel 2011 e che le perdite di acqua contaminata continuano. 

FONTE