MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

lunedì 16 dicembre 2013

TEAM DI SCIENZIATI TROVANO UN SECONDO CODICE GENETICO NEL DNA.

Il DNA è un dispositivo di memorizzazione incredibilmente potente. Ora un team di scienziati hanno scoperto che il nostro DNA nasconde un altro codice. Questo secondo codice contiene informazioni che cambia il modo in cui gli scienziati interpretavano e leggevano le istruzioni contenute nel DNA.
Dal momento che il codice genetico è stato decifrato nel 1960, gli scienziati hanno ipotizzato che viene utilizzato esclusivamente per scrivere informazioni sulle proteine. Così gli scienziati della Washington University sono stati sorpresi nello scoprire che i genomi utilizzare nel codice genetico, hanno la facoltà di scrivere in due lingue distinte . Una descrive come le proteine ​​sono fatte, mentre l’altro codice comunica alle cellule come i geni sono controllati. Il codice è scritto uno sopra l’altro, cosi il secondo è stato tenuto nascosto per tanto tempo.


“Per oltre 40 anni abbiamo supposto che i cambiamenti nel DNA che influenzano il codice genetico riguardano solo il modo come sono fatte le proteine ​​. Ora sappiamo che a causa di questo assunto di base sulla lettura del genoma umano non ha visto la metà delle informazioni.  Questi nuovi risultati evidenziano che il DNA è un dispositivo di archiviazione potente, che la natura incredibilmente ha saputo creare e sfruttato in modi inaspettati “, dice l’autore dello studio John Stamatoyannopoulos.
Il codice genetico utilizza un alfabeto di 64 lettere chiamati “codoni. Si presume che le istruzioni di controllo dei geni contribuiscono a stabilizzare alcune caratteristiche benefiche delle proteine ​​e normalizzare il processo di creazione.  La scoperta ha importanti implicazioni per il modo in cui interpretiamo il genoma e soprattutto per le ricerche scientifiche e mediche e aprire nuove porte per la diagnosi e il trattamento di varie malattie. Lo studio di questa sensazionale scoperta è pubblicato sulla rivista ‘ Science ‘.