MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

mercoledì 16 ottobre 2013

CAMBIAMENTI CLIMATICI: SCIENZIATI AMMETTONO CHE LA TERRA RAGGIUNGERA' IL PUNTO DI NON RITORNO NEL 2047.

I Cambiamenti del clima della Terra saranno irreversibili dopo 34 anni, dopo di che la temperatura del pianeta aumenterà, cosi dicono gli scienziati. Moscoviti dovranno affrontare questo fenomeno, qualche anno dopo.
Gli scienziati della University of Hawaii hanno calcolato il “punto di non ritorno”, del clima della Terra, quando la temperatura media del freddo dell’anno supererà la temperatura media del periodo più caldo dell’anno, spiega la rivista Nature, una delle più prestigiose riviste scientifiche del mondo.



I ricercatori hanno utilizzato i dati relativi al periodo 1860-2005. Secondo gli scienziati, il clima si trova nel “punto di non ritorno”, e il picco più drammatico, verrà raggiunto nel 2047 se le emissioni di anidride carbonica (gas serra) non sarà notevolmente ridotto. Ma anche se l’umanità improvvisamente si troverà unita per dirigere tutti gli sforzi per affrontare il problema dell’effetto serra, i cambiamenti climatici saranno comunque irreversibili. Queste dichiarazioni pubblicate in un articolo su Nature, vengono fatte da scienziati climatologi dell’ Università delle Hawaii che si trova a Manoa.
Il clima è il fattore principale che determina i processi biologici del pianeta. I cambiamenti di temperatura inevitabilmente avranno un impatto sugli individui e per l’ecosistema nel suo complesso, dicono gli scienziati. Il Clima colpisce diversi aspetti vitali della vita umana. I cambiamenti su scala globale possono avere conseguenze fatali e di mettere a repentaglio l’esistenza di un equilibrio degli ecosistemi e di portare all’estinzione di un vasto numero di specie di animali e piante.
Il Riscaldamento climatico causerà inevitabilmente problemi con l’acqua e di conseguenza, la diffusione di malattie infettive, per non parlare dei problemi con la psiche umana come risultato di stress da calore.


Il livello degli oceani sarà in costante aumento

Quindi, utilizzando i più recenti dati satellitari, i ricercatori dell’Istituto di Potsdam per il cambiamento climatico, hanno trovato nel corso degli ultimi 20 anni, un aumento del livello del mare che è cresciuto di una media di 3,2 millimetri l’anno – fino al 60% più veloce di quanto previsto dagli esperti delle Nazioni Unite. Questi dati sono stati pubblicati sul quotidiano “Voce della Russia”, dove il capo dell’Energy Program “Greenpeace Russia” Vladimir Chuprov che cosi scrive:
Il riscaldamento climatico porterà inevitabilmente a una migrazione della popolazione mondiale e l’aumento dei conflitti nella lotta per le risorse naturali, dicono gli scienziati.
Inoltre, quelle regioni del mondo dove, a quanto pare, l’approvvigionamento di acqua è OK, troppo, non sono immuni dall’essere in pericolo per una eventuale aggressione. La popolazione mondiale cresce e consuma risorse naturali è quello che il pianeta non può recuperare o sostenere. Secondo le Nazioni Unite,il  tasso di petrolio durerà per i prossimi 50 anni, il gas fossile per 60 anni e la grave carenza di acqua fresca si inizierà ad avvertire nei prossimi 10 anni. E poi la guerra sarà inevitabile per la Russia, per via del lago Baikal, una delle risorse di acqua dolce – candidato quindi ad essere soggetto al primo attacco.

Il Doomsday non è lontano?

Un team internazionale di ricercatori ha pubblicato nello stesso numero di Nature nel 2012 la previsione, che ha causato il panico ed emozionato il World Wide Web.
Uno studio condotto da un gruppo di una ventina di scienziati provenienti da quindici diverse istituzioni scientifiche internazionali dal titolo “Si avvicina il cambiamento della biosfera della Terra,” indica “l’inevitabilità di un collasso irreversibile degli ecosistemi della Terra.”
Gli scienziati che hanno firmato l’iquietante articolo sulla rivista, hanno detto che “i risultati ci hanno terrorizzato”.  Secondo i ricercatori, quasi la metà delle specie animali potrebbe presto sparire per via del cambiamento climatico, e al loro posto, nel territorio mondiale, arriveranno circa il 12-39% dei nuovi organismi viventi, e questo cambiamento radicale può accadere in una nitidezza senza precedenti finora.
Secondo loro, una persona non ha altra scelta che trasformare radicalmente il modo di vivere e si deve cercare di ottenere una riduzione della crescita della popolazione, la revisione delle strutture sociali, così come la concentrazione della popolazione nelle aree densamente popolate, per dare al mondo l’opportunità di ritrovare l’equilibrio della natura. Ma per realizzare questo, purtroppo, ora, è improbabile.

FONTE