MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

venerdì 6 dicembre 2013

IL TERREMOTO DEL GIAPPONE HA CAMBIATO LA GRAVITA'.

Variazioni di gravità in Giappone
Dai dati inviati dal satellite dell'ESA si evince che il sisma del 2011 quasi sicuramente è riuscito a modificare il letto del mare, con conseguente cambiamento del livello medio dell'acqua, che a sua volta ha influenzato la gravità locale. I dati di GOCE potranno così essere utilizzati per una comprensione maggiore dell'attività sismica sulla Terra.

Il potente terremoto del 2011 che ha colpito il Giappone è riuscito a modificare la gravità locale. Questo è quanto hanno scoperto i ricercatori che lavorano con il satellite dell’Agenzia Spaziale Europea GOCE, che per quattro anni ha mappato con estrema precisione la gravità terrestre, mostrando dettagli anche superiori a quanto si pensasse. In base alle ultime rilevazioni del satellite i gradi terremoti non solo deformano la crosta terrestre, ma possono provocare anche piccoli cambiamenti nella gravità locale.

Analizzando attentamente i dati, gli esperti hanno notato, infatti, una disomogeneità del campo gravitazionale terrestre, conseguenza della differente composizione della Terra da zona a zona. I movimenti tellurici sotto la superficie sono in grado di spostare rocce e materiali anche per chilometri portando così ad una variazione della gravità terrestre locale. Eventi sismici sotto gli oceani, come quello del 2011, possono anche cambiare la forma del letto del mare. Questo sposta l’acqua cambiando il livello del mare, influendo, a sua volta, anche sulla gravità.
Il satellite dell’ESA non è ormai più in orbita da qualche settimana, avendo esaurito il suo carburante. I ricercatori, però, hanno a disposizione una miriade di dati da poter analizzare prima di porre davvero la parola fine alla missione di GOCE. Il satellite ha già gettato nuova luce su diversi aspetti della Terra, dalla densità atmosferica e ai venti,  alla mappatura del confine tra la crosta e il mantello superiore, ai processi geodinamici che si verificano in questi stratiA inizio di quest’anno GOCE ha avvertito, tramite il suo accelerometro e propulsore di ioni, le onde sonore del terremoto giapponese, mostrando come il sisma abbia chiaramente rotto il campo gravitazione locale.
Questi risultati sono inoltre coerenti con le osservazioni più “grossolane” effettuate dal satellite GRACE della NASA. I dati di GOCE verranno utilizzati utilizzati per migliorare i modelli già esistenti e permettere quindi una comprensione maggiore dell’attività sismica terrestre.

FONTE