MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

sabato 14 dicembre 2013

MA ALLA FINE CHI SONO I VERI COMPLOTTISTI?


12 milioni di americani sono convinti che rettili governino il mondo in segreto

Tra parentesi alcune mie battute, il resto dell'articolo capolavoro è opera di un "scegliete voi l'aggettivo".

Secondo una ricerca, ben 12 milioni di americani sono convinti che rettili, o meglio i rettiliani, governino il mondo in segreto (chissà gli italiani da chi pensano di essere governati!). Secondo questa diffusa (sì in mondo visione!) quanto improbabile teoria, i rettiliani sarebbero una razza aliena che è arrivata sulla Terra (dalle costellazioni Orione, Sirio e Dragone) qualche migliaio di anni fa, iniziando ad incrociarsi con gli umani: non tanto fisicamente quanto tramite modificazioni del DNA. Ancora oggi guiderebbero lo sviluppo della razza umana, manipolando i governi ed i “poteri forti”, probabilmente per i propri interessi (probabilmente ha scoperto l'America!).

Si tratta di una delle tante “teorie del complotto” oggetto di un’indagine condotta da Public Policy Polling (non oso immaginare il criterio con cui abbiano sfornato una ricerca simile!), e neanche per la verità (l'unica dell'articolo tra l'altro!) di quella con più seguito. Andando a vedere i numeri assoluti, la quantità di persone che crede a queste teorie è decisamente impressionante. (La tecnica del gatekeeper è ancora più impressionante: mischiare delle bufale stratosferiche con verità assodate e unirle insieme concludendo che sono tutte solo teorie inventate..ah pardon, del complotto!). Nella tabella che segue, le teorie (teorie!) del complotto che hanno più seguito tra gli americani sono queste:


1Kennedy è stato ucciso da un complotto51%160 milioni
2Bush ha intenzionalmente mentito sulle armi di distruzione di massa in Iraq44%138 milioni
3Il riscaldamento globale è una bufala37%116 milioni
4Gli alieni esistono29%91 milioni
5Il Nuovo Ordine Mondiale domina il pianeta28%87 milioni
6Saddam Hussein era coinvolto nell’11 settembre28%87 milioni
7Un UFO si è schiantato a Roswell21%65 milioni
8I vaccini causano l’autismo20%62 milioni
9Il governo controlla le menti con la TV15%47 milioni
10Le cause farmaceutiche creano le malattie15%47 milioni
11Il crack è stato creato e diffuso dalla CIA14%43 milioni
12Bigfoot esiste14%43 milioni
13Obama è l’Anticristo13%40 milioni
14Il governo americano ha permesso l’11 settembre11%34 milioni
15Il governo aggiunge fluoro all’acqua per scopi occulti9%28 milioni
16L’atterraggio sulla Luna è stato una finzione7%21 milioni
17Bin Laden è ancora vivo6%18 milioni
18Aerei spargono scie chimiche5%15 milioni
19Paul McCartney è morto nel 19665%15 milioni
20I rettiliani controllano il mondo4%12 milioni
(E i restanti a cosa credono, alla favola di Babbo Natale o al pacchetto preconfezionato ufficiale? Della serie nuovi zombi crescono!)

Quali sono i motivi che spingono (degli spintoni incredibili!) così tante persone a credere in teorie per le quali non vi sono prove (sic! le prove che c'erano le hanno fatte sparire e non solo quelle!), quando addirittura invece ci sono prove (viva la sincerità!) al contrario della loro infondatezza? I meccanismi sarebbero molteplici (soprattutto nel mentire, nel negare spudoratamente e nell'insabbiare!), e chiaramente dipendono anche dalla specifica teoria che si prende in considerazione (ecco bravi fate distinzione tra una teoria strampalata e una verità invece di mischiare e tirare conclusioni che si vogliono far credere!).

In generale, ci sarebbe una scarsa attenzione ai fatti 
(davvero si dorme in piedi!): anziché basare le proprie opinioni e conclusioni (qui se c'è qualcuno che tira le conclusioni è l'autore dell'articolo) su quelli che sono i fatti (the walking dead!) e le informazioni disponibili (cercare di più no eh, troppa fatica, scherzi?!?), la gente spesso parte dalla propria opinione per cercare gli elementi che la confermano (spesso? che bella logica, l'importante è essere convinti!), scartando e ignorando (renziani rottamatori quindi!) i dati in contrasto (ovvero la falsa cantilena del debunker!)

Oppure si prende come eccessivo riferimento la propria esperienza diretta, che però per forza di cose è limitata (ha parlato il nulla che avanza!) ed incompleta (già, serve una maggioranza di esperti o si è spacciati!). È il caso ad esempio delle teorie sui vaccini: dato che funzionano (sì certo, tutti quanti!), le persone non hanno più conoscenza delle malattie che evitano (sono tutti ignoranti!), i cui nomi sono solo parole vuote senza significato (che conclusione affrettata, ma non aveva appena detto che erano altri a farle?!? Anche per i vaccini ci sono quelli buoni e quelli cattivi!). Al contrario, la gente “ha esperienza” del fatto che i vaccini possano avere effetti collaterali, e quindi cerca di prevenire gli effetti collaterali, avendo dimenticato quello che è lo scopo dei vaccini (quindi è l'Alzheimer!?!).

(Tenetevi forte!) Un altro fattore riguarda la paura del caos: attribuire le colpe di fatti spiacevoli ad un unico “soggetto malevolo” è per molti più confortante e tollerabile rispetto al caos (non a caso le versioni ufficiali hanno sempre una vittima pronta da colpevolizzare, alla facciazza del caos!). Per molti è più tranquillizzante pensare che dietro un attentato c’è un governo cattivo (tranquillizzante al massimo!), ignoto ma univoco ed identificabile (si decida per favore, ignoto o identificabile!?!), piuttosto che pensare 
(capite, è solo una questione di pensiero!) che chiunque potrebbe costruire e fare esplodere una bomba (come no, infatti se ne vanno tutti in giro con il tritolo in tasca!), senza nessun motivo (un motivo ce l'avranno pure o neanche quello?!?).

Inoltre, le teorie del complotto servono a giustificare i propri insuccessi (confessa debunker!): se non si ottiene ciò che si desidera, sia in termini di risultati lavorativi che di qualunque altra cosa, è spesso più piacevole pensare (spesso? ci risiamo con la storia del pensiero! Pensi per lei e la finisca con le seghe mentali!) che un complotto ha impedito di raggiungere il successo 
(se volete aver successo credete a Babbo Natale e non fate complotti!), piuttosto che mettersi in discussione (sai che dibattito, uno parla e l'altro quando apre la bocca insulta!).

Ci sarebbe poi il fatto che credere a una teoria del complotto (ma chi l'ha etichettata teoria e del complotto è ancora da chiarire!) darebbe un senso di superiorità (divinità solare, Horus!) a chi ci crede “io so qualcosa nonostante i potenti vogliano tenerla segreta”, (forse all'asilo!) oltre ad essere spesso storie curiose ed affascinanti (spesso? pensate solo all'11/9 o all'assassinio di Kennedy che storie affascinanti!).

Per ultimo, un fatto curioso (la perla finale!): una ricerca mostra che a credere alle teorie del complotto sono soprattutto le persone che sarebbero più propense a complottare, se ne avessero l’occasione. (come dire, se credi a Babbo Natale sei più propenso a guidare le slitte!) 


Tratto da Le News Più Strane - A scanso di equivoci, le osservazioni non sono ovviamente dirette al sito che ha condiviso l'articolo, anzi consiglio di visitarlo perchè contiene un archivio di stranezze incredibili ma vere.

Vademecum per coloro che sono affetti da Alzheimer!

Il Complotto
Il complotto (detto anche cospirazione o congiura) è l’azione condotta da più persone per stabilire un accordo segreto per modificare, sovvertire, cambiare radicalmente, a volte con uso di mezzi violenti e coercitivi, un regime, uno stato, una situazione politica o di altro tipo. Nella storia molti uomini sono stati vittime di complotti, alcuni scoperti successivamente ed atri che ancora oggi non conosciamo, che non vengono ufficialmente riconosciuti o che vengono puntualmente insabbiati o depistati per ovvi motivi di scomodità!

Il Complottista - Cospirazionista

Il termine non esiste nella lingua italiana, è un aggettivo adottato dai disinformatori pagati per nascondere la verità, che il più delle volte, probabilmente! e spesso! nemmeno conoscono e non hanno nessun interesse a saperla. Quando chiunque scopre o diffonde, neanche una verità (in fondo nessuno conosce la verità assoluta), ma una questione che si può anche solamente avvicinare ad una verità scomoda viene immediatamente etichettato complottista da lor signori. 

Per dare un senso a questa parola, che assomiglia molto alla neolingua orwelliana, ciòè l'inversione completa del significato (ad es. libertà = schiavitù), solo una persona che denuncia un complotto di cui è artefice e responsabile può essere al massimo definito complottista, cioè il creatore della congiura. 

C'è inoltre da fare un distinguo, colui che vede o scopre una cospirazione commessa da terzi e la denuncia potrebbe essere definito: spia, ficcanaso, curioso, investigatore, giustiziere, sbirro ecc. ma non certo complottista! 

Il Gatekeeper - Depistatore

Poi ci sono quelli che inventano delle storie e le alimentano solo ed esclusivamente per uno scopo lucroso (vedi Adam Kadmon di Mistero), che definirei bugiardi, falsi, racconta balle ecc. in ogni caso non c'è motivo di "coniare" altri nuovi termini, bastano e avanzano quelli che già conosciamo. Infatti esiste il gatekeeper, il depistatore per eccellenza, il mago truffatore che mischia le carte con il solo scopo di confondere, depistare, distrarre, allontanare dalla verità (i mass-media sono dei maestri in questo). Come lo stesso debunker, anche il depistatore si serve di varie tecniche, dipende dall'argomento, in genere diffonde mezze verità mescolate a boiate assurde, facendo una specie di doppio gioco, ovvero screditando e ridicolizzando quelle mezze verità, risaltando le boiate assurde, in modo da far credere che tutto il contesto sia una cagata pazzesca (vedi l'articolo sopra riportato)! In altri casi, spesso! e probabilmente! mischia mezze verità con altre mezze verità, o falsità, creando un mix di stronzate megagalattico, rendendo poco credibile il tema. 
In realtà è un triplo gioco, perchè dietro a tutto ciò c'è un compenso, non lo fanno per hobby. Un lavoro simile è quello della figura del politico attuale, che mente sapendo di mentire prendendo tutti in giro, oltretutto è strapagato e, ultimamente si auto-vota direttamente per rappresentare chi? Il popolo che protesta in piazza o quello seduto davanti alla tv a farsi fare il lavaggio del cervello?!?       
Il Debunker - Troll - Disinformatore
Ci sono persone che preferiscono credere a quello che gli viene detto, senza porsi domande, da esperti di un determinato settore, quello della comunicazione (ci risiamo i mass-media sono in testa), di solito è sempre una maggioranza schierata con il sistema, mai una minoranza. Quindi per una questione di numeri, cioè statistica, se 1000 dicono che è così, per loro deve essere così, mentre quei dieci (poco importa se super esperti) che affermano il contrario diventano automaticamente incredibili, nonostante abbiano prove su prove per confermare non la loro teoria, ma fatti concreti (la lista è molto lunga). Potrebbe anche essere solo uno contro tutti, vedi Galileo, l'incompreso. Nel suo caso chi ha poi avuto ragione, la maggioranza? No! 
Sempre dopo però vengono ufficialmente fuori le verità quando il più delle volte è tardi e lor signori l'hanno fatta franca (vedi Berlusconi e compagnia papponi), usando ogni mezzo possibile come il segreto di Stato.

I cosiddetti troll sono in palese malafede, a differenza di altri che in buona fede, credono alla menzogna e ne sono ciecamente convinti (i mass-media la ripetono in continuazione, la trasformano in verità, fino a quando la maggioranza ci crede, sembra inverosimile ma è così), ciò è impressionante! I debunker si avvistano prima, si tirano da soli la zappa sui piedi, per il loro accanimento sfrenato (comprese minacce di morte, denunce, diffamazioni e insulti di ogni genere, vedi i casi Lannes, Ferraro, Elia e molti altri, ho citato i più recenti), nel cercare di smentire certe teorie, il che fa capire anche ai più tonti dei tonti che qualcosa non quadra! Senza il bisogno di fare esempi, il web pullula di siti costruiti a tavolino, allineati, per non dire schiavi del sistema, la lista è purtroppo lunghissima. Questi individui si sentono più tranquilli schierandosi con la maggioranza in modo da avere la massima copertura, specialmente monetaria e ultimamente anche giudiziaria (vedi la vicenda che ha coinvolto i fratelli Marcianò). E sono proprio i debunker a sentirsi superiori visto che hanno un sistema che li appoggia, per quanto, ancora, lo vedremo! 

Riflessione

Fate attenzione a certi particolari, se vi capita il contrario fatemelo sapere: non mi è ancora successo di vedere questi squallidi individui difendere una minoranza di esperti o comunque qualsiasi teoria sostenuta da una minoranza e soprattutto che vada contro gli interessi del sistema, che sia una istituzione, una lobby, un governo o una qualsiasi altra forma di autorità e se lo fanno è perchè poi si scopre che è solo un tentativo di copertura verso la loggia-mafia di turno, ops il gruppo di appartenenza, quindi se ne colpevolizza un altro per salvarsi le chiappe, oppure c'è sotto un grande vantaggio, interesse, compromesso, corruzione! Certe situazioni sono così intricate, ma allo stesso tempo emanano una puzza di marcio che si sente a distanze siderali! Vedi ad esempio le diatribe politiche tra finte destre e finte sinistre, si accusano a vicenda quando spesso! e senza probabilmente! sono entrambi colpevoli, ora più che mai! Le ideologie divide et impera sono obsolete! Attenzione, lor signori proveranno a persuadervi con altre strategie, la censura del web, l'eliminazione del contante e l'innesto sottopelle dei microchip con la scusa di facilitare la vita! Di chi? Indovinate!

Chi sarebbero poi i complottisti?!?