MONDO NEWS

MONDO NEWS

PENSARE,INFORMARSI E' GRATUITO

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

martedì 10 dicembre 2013

SICILIA: SCOPERTO A LARGO DI ACIREALE,UN VULCANO TRE VOLTE PIU' GRANDE DELL'ETNA?

Tra Riposto e Aci Castello è stato scoperto un immenso vulcano, ben più grande dell’Etna, con una superficie di 400 km². La scoperta è stata effettuata da un team di ricercatori formato in testa dal professor Giuseppe Patanè docente di Fisica Terrestre alla Facoltà di Scienze Geologiche dell’Università di Catania insieme ai collaboratori Ivan Agostino, Santo La Delfa e Riccardo Leonardi, i quali nel 2009 hanno iniziato questo studio portato a termine solo ora. Il tutto è stato pubblicato sulla rivista “Elsevier” dove viene anche presupposto che i grandi terremoti della costa ionica risalenti al passato siano responsabilità di questo immenso vulcano sommerso. L’autore della ricerca Patanè ha spiegato: “ Le dimensioni dell’edificio vulcanico sommerso sono davvero imponenti.


L’abbiamo sempre avuto lì, sotto il naso, ma nessuno si è mai accorto della sua esistenza. La struttura, in grande, richiama alla mente le linee dell’Etna, con un enorme sprofondamento sul versante orientale che partendo da 500 metri sotto il livello del mare scende giù fino al piano abissale dove si raggiungono i 2500 metri di profondità. Il diametro massimo della Valle del Bove è di 7 chilometri; quello della caldera sommersa è di 20 chilometri: dunque tre volte più grande».

Sempre secondo quanto riportato, la sua attività risale al periodo antecedente all’eruzioni dell’Etna ed al momento non si evincono attività da questo gigante anche se, dei fenomeni di risalita di fluidi caldi sono stati osservati. Ad incuriosire gli studiosi è stata la morfologia della costa la quale ha molti punti a ferro di cavallo a dimostrazione della fuoriuscita di materiale in quei posti. Aspettiamo maggiori conferme ufficiali per dichiarare la reale esistenza del vulcano.

FONTE